L’AGSP al Festival del giornalismo di Perugia 2018

Tra i primissimi partner del Festival del giornalismo di Perugia fin dal 2007, anno della sua nascita, l’Associazione Giornalisti Scuola di Perugia 12 anni dopo è ancora fra i partner della manifestazione.
Di seguito gli eventi targati AGSP in programma quest’anno a Perugia:

– “Giornalismo e cambiamento climatico: adattarsi al nuovo mondo
Sabato 14 aprile, ore 11.45 – Palazzo dei Priori, Sala della Vaccara

World Economic Forum, World Bank, governi mondiali, ricerca scientifica. Vi raccontiamo “chi fa cosa?” per permettere all’uomo di continuare a vivere sul pianeta. La COP21 di Parigi, poi la COP23 di Bonn, hanno chiarito che non basta contenere l’aumento, inevitabile, della temperatura del pianeta in 2 gradi centigradi. E’ ormai ora di pensare ad adattarsi al nuovo mondo.
Chi lo sta già facendo? E come? Strappare terra al mare, portare la vita nel deserto, coltivare senz’acqua o con acqua salata, imparare a gestire gli eventi estremi… Dall’Olanda a Israele, passando per l’Italia… è partita la corsa mondiale più importante, quella contro il tempo. Ad agosto 2017 è stato lanciato, un po’ in sordina, il Piano Nazionale di Adattamento italiano… Ma chi sono i players e quali le azioni più urgenti da mettere in atto? Quanti conoscono #italiasicura?
Con Elisa Calliari (Università Ca’ Foscari di Venezia), Enrica De Cian (Università Ca’ Foscari di Venezia), Marco Merola (responsabile comunicazione CNBBSV), Michele Torsello (dirigente #ItaliaSicura, Presidenza del Consiglio dei Ministri).
Modera Enzo Arceri, Gr Rai e Segretario Agsp.

– “Cerimonia di premiazione dei vincitori del Premio Nunzio Bassi
Sabato 14 aprile, ore 13.00 – Palazzo dei Priori, Sala della Vaccara

Premiazione dei vincitori dell’edizione 2018 del Premio dedicato a Nunzio Bassi, per 20 anni coordinatore didattico della scuola di giornalismo radiotelevisivo di Perugia.
Con Roberto Conticelli, Presidente dell’Ordine dei giornalisti dell’Umbria, ed Enzo Arceri, Segretario Agsp. Presenta Fausto Bertuccioli, Presidente Agsp.

Premio “InFormazione” – Nunzio Bassi. Il bando 2018

L’Associazione Giornalisti Scuola di Perugia organizza e promuove la sesta edizione del Premio “InFormazione”, riservato ai praticanti delle Scuole di giornalismo italiane.
Il concorso è patrocinato dall’Ordine nazionale dei Giornalisti e dall’Ordine dei Giornalisti dell’Umbria.

Il premio è dedicato alla memoria di Nunzio Bassi, coordinatore didattico per 20 anni della Scuola di giornalismo radiotelevisivo di Perugia, scomparso il 30 ottobre 2013. La menzione speciale del Premio è intitolata a Dante Ciliani, presidente dell’Ordine dei giornalisti dell’Umbria e amico dell’AGSP, venuto a mancare il 13 settembre 2015.

Obiettivo del Premio è valorizzare i giovani iscritti alle Scuole di giornalismo italiane. In palio per i più meritevoli vi sono tre borse di studio (dotazione complessiva del premio: 2500 euro).

Gli elaborati in concorso dovranno essere dedicati alla tematica, quantomai attuale, del cambiamento climatico: dal riscaldamento globale, con le sue problematiche e le conseguenze per la nostra vita di tutti i giorni, alle possibili soluzioni e alle azioni da intraprendere.

Scadenza per l’invio degli elaborati: 23 marzo 2018 (entro le ore 24).

La cerimonia di premiazione dei vincitori si svolgerà a Perugia in occasione della prossima edizione del Festival internazionale del giornalismo di Perugia (14 aprile 2018). Di seguito il bando di partecipazione e il modulo di adesione:

Scarica il Regolamento del concorso – edizione 2018;

Scarica il Modulo di adesione.

Giuria del Premio
Roberto Conticelli, Presidente Ordine regionale dell’Umbria
Franco Elisei, Presidente Ordine regionale delle Marche
Giorgio Pacifici, Tg2
Roberta Serdoz, Tg3 e consigliera nazionale OdG

IJF17 – “Ibernazione, ogm e ingegneria genetica”

Dall’ibernazione alle banche dati del Dna, dagli Ogm all’utilizzo degli embrioni. Etica e scienza a confronto in un momento storico particolare, che apre possibilità prima impensabili grazie al progresso tecnologico. Di questo si è discusso nel panel dal titolo “Ibernazione, ogm e ingegneria genetica” organizzato dall’Associazione Giornalisti Scuola di Perugia nell’ambito del Festival Internazionale del Giornalismo 2017 di Perugia. Ospiti del panel Enzo Arceri (Giornale Radio Rai e segretario Agsp), Paolo Benanti (padre francescano), Sabrina Carreras (Presa Diretta), Andrea Lenzi (Docente Università La Sapienza Roma), Marco Merola (responsabile comunicazione CNBBSV) e Laura Palazzani (Docente LUMSA).
Come affrontare questioni complesse mettendosi, come giornalisti, al servizio del pubblico?

Ibernazione – Si parte dall’ibernazione con l’intervento di Paolo Benanti, padre francescano, considerato tra i massimi esperti mondiali di Teologia morale e Bioetica. Ci sono tre società al mondo che offrono questo servizio, per un costo che oscilla tra i 30 e i 200 mila euro. Un futuro possibile ma sicuramente non certo. “Siamo sicuri di poter vendere tutto ciò che possiamo fare?”, si chiede Benanti di fronte alla prassi commerciale che ci porta a pagare per qualsiasi cosa, seppur priva di fondamento ed evidenza scientifica. Dalla relazione medico-paziente sembra si stia passando ad una nuova tra cliente e fornitore di servizi.
“La risposta al problema della finitezza umana oggi non è religiosa né scientifica, ma mitica, fuori dal tempo”; ritorna il tema della post-verità, parola dell’anno 2016 secondo lo storico dizionario inglese Oxford. Una post-verità scientifica che ignora fatti e dati per lasciare spazio alla speranza di estendere le potenzialità umane oltre i limiti fino ad ora conosciuti.

Banche dati DNA – Arriviamo per ultimi in Europa, ma almeno abbiamo a disposizione tecnologie innovative per farlo; il riferimento è alla raccolta, elaborazione e al controllo di dati sul Dna di persone che si trovano in carcere con una sentenza passata in giudicato. Oggi le banche dati italiane custodiscono le identità di 38 mila persone. Sono informazioni da maneggiare con cura: un errore potrebbe portare ad individuare come colpevole qualcuno che non c’entra nulla. A supervisionare il processo di prelievo e decodifica è il Comitato Nazionale per la Biosicurezza, le Biotecnologie e le Scienze per la Vita (CNBBSV).

Ogm – Sabrina Carreras di Presa Diretta ha analizzato i vari linguaggi della narrazione scientifica in tv. Spetta al giornalista rendere semplici concetti apparentemente distanti dalla quotidianità. Gli ogm in Italia non si possono coltivare ed è vietata anche la ricerca sul tema. La riflessione del giornalista in campi che, come questo, possono spaventare l’opinione pubblica, deve partire chiedendosi quanto pesino i pregiudizi e la caccia alle streghe, da un lato, e gli interessi privati dall’altro.

(Giulia Bianconi)

1° Triangolare “Memorial Nunzio Bassi”. L’AGSP patrocina l’iniziativa

E’ stata la “selezione” di Urbino ad aggiudicarsi il primo Triangolare di calcio a 5, “Memorial Nunzio Bassi“, tra gli allievi delle scuole di giornalismo di Perugia, Urbino e Milano (Tobagi).

Il torneo – svoltosi venerdì 17 aprile nel capoluogo umbro – è stato promosso e organizzato dagli allievi della Scuola perugina, con il patrocinio dell’Associazione Giornalisti Scuola di Perugia.

Un’iniziativa che ha trovato l’immediato sostegno dell’AGSP sia perché tesa a rendere omaggio alla memoria dell’amico e collega Nunzio Bassi, scomparso nell’ottobre 2013, sia perché mira a costruire un legame fra le diverse scuole di giornalismo italiane.

Premio “InFormazione” – Nunzio Bassi 2015. Vincono Perugia e Milano

Sono Perugia e Milano le vincitrici dell’edizione 2015 del Premio “InFormazione, riservato ai praticanti delle Scuole di giornalismo italiane e organizzato dall’Associazione Giornalisti Scuola di Perugia e dalla Rappresentanza italiana della Commissione europea. Il concorso – patrocinato da Ordine nazionale dei Giornalisti, Ordine dei Giornalisti dell’Umbria e Associazione Stampa Umbria – è dedicato alla memoria di Nunzio Bassi, coordinatore didattico per 20 anni della Scuola di giornalismo radiotelevisivo di Perugia e scomparso nell’ottobre 2013. 25 gli elaborati in gara nelle diverse categorie, firmati da altrettanti praticanti delle scuole di Milano (Iulm e Cattolica), Roma (Luiss), Napoli (Suor Orsola Benincasa) e Perugia (Scuola di giornalismo radiotelevisivo).

Di seguito i vincitori, decretati dalla giuria:

1° classificato categoria “radio/tv” (sez. nazionale) (1750 eur): SIMONE CARUSONE – DAVIDE DENINA (Scuola di giornalismo Radiotelevisivo di Perugia). Titolo del video: “TERRA DEI FUOCHI: A CHE PUNTO SIAMO”.

Motivazione: “Il reportage, pur affrontando  un argomento da anni oggetto di importanti inchieste giornalistiche,  si è tuttavia distinto per ritmo e qualità narrativa. Il linguaggio televisivo è pregnante, efficace e coinvolgente. I dati raccolti e la scelta delle interviste contribuiscono alla costruzione di un racconto che, partendo dalle istituzioni e dalla descrizione di una realtà apocalittica, si fa poi sempre più corale e costruttivo, offrendo punti di vista diversi e persino possibili soluzioni a un’emergenza di grandezza nazionale”.

– 1° classificato categoria “carta stampata/web” (sez. nazionale) (1750 eur): ALESSANDRO SARCINELLI (Scuola di giornalismo di Milano – Università Cattolica). Titolo dell’articolo: “EXPO 2015: MILANO AL CEMENTO”.

Motivazione: “Sapore di inchiesta in questo articolo che punta i riflettori sull’altra faccia dell’ Expo 2015. Si propone una lucida analisi delle criticità ambientali del più importante evento dell’anno, evidenziando in particolare l’inutile consumo di territorio. Scrittura fluida ed efficace, ricerca di dati e fonti generosa. Esposizione sintetica e al contempo esaustiva dei fatti. Insomma, un buon reportage”.

1° classificato sezione “Europa” (1750 eur): ALICE BELLINCIONI – GIANLUCA DE ROSA – DARIO TOMASSINI (Scuola di giornalismo Radiotelevisivo di Perugia). Titolo dell’elaborato: “L’UMBRIA VERSO GLI OBIETTIVI DEL PACCHETTO 20-20-20. LA CORSA ALLE RINNOVABILI TRA ECCELLENZE E OCCASIONI MANCATE”.

Motivazione: “L’articolo tratta in modo approfondito degli obiettivi di Europa 2020, in particolare contestualizzandolo nell’esperienza concreta dell’Umbria nel settore delle rinnovabili e dell’efficienza energetica. Argomentato in modo chiaro e accurato, guida il lettore con competenza nella lettura e comprensione del tema”.

***
Alla cerimonia di premiazione – che si è tenuta giovedì 16 aprile a Perugia nell’ambito della nona edizione del Festival internazionale del giornalismo – hanno preso parte Lucio Battistotti, Direttore della Rappresentanza italiana della Commissione europea, Dante Ciliani, Presidente dell’Ordine dei giornalisti dell’Umbria, Alessandra Benedetta Bassi, figlia di Nunzio, e Marcello Greco, Segretario dell’Associazione Giornalisti Scuola di Perugia.